Immagine articolo
25/05/2015

Torta da N.Y.

Uno degli episodi più particolari e piacevoli che ricordo sempre con un sorriso, si riferisce ad un matrimonio particolarmente suggestivo e divertente, da me organizzato, qualche anno fa, a Venezia.

La coppia di sposi, proveniente da New York, aveva scelto quella città per la celebrazione del proprio matrimonio e aveva deciso di affidarsi a me per la progettazione e l’organizzazione di tutto l’evento.

Purtroppo, per impegni di lavoro, i due sposi, Mark ed Elisabeth, non potevano essere presenti ai vari sopralluoghi e avevano quindi deciso di coinvolgere la mamma di Elisabeth, che poteva seguire il progredire del progetto e partecipare ai vari momenti di scelta senza alcun problema.

Fra l’altro, come dico sempre, quando all’organizzazione di un matrimonio, partecipa anche la mamma della sposa, nascono bellissime collaborazioni, grazie alla simpatia, all’esperienza e alla dinamicità di queste moderne future suocere, abituate a ricevere e ad organizzare feste e ricevimenti in casa propria.

Il loro apporto è sempre un grande valore aggiunto, in termini di esperienza, stile e capacità diplomatiche.

Nel nostro caso, quindi, la maggior parte delle decisioni venivano prese dalla mamma, che, se da una parte si consultava con i due fidanzati, dall’altra invece, aveva carta bianca e poteva quindi decidere in maniera libera.

Procedendo nell’organizzazione, una volta scelta la location, le musiche, i temi progettuali, gli allestimenti floreali… eravamo arrivati al momento in cui si doveva decidere disegno e varietà della torta nuziale.

Nonostante le diverse torte fatte realizzare dai nostri pasticceri non riuscivamo però ad avvicinarci alla composizione della tradizionale wedding cake americana.

Ricordo allora che la mamma della sposa, sapendo quanto la figlia tenesse alla tradizione nella scelta del gusto della torta e dispiaciuta perché non riusciva a trovare in Italia ciò che voleva, decise di far arrivare la wedding cake direttamente da…New York!

E fu così che arrivò, con un volo speciale sul quale viaggiavano anche gli sposi e le loro famiglie, una torta nuziale, completamente smontata, che gli abili pasticceri italiani ricomposero e guarnirono con tutti i delicatissimi fiori di zucchero arrivati dall’America…

indietro