Immagine articolo
21/01/2015

Affidati ad un professionista: scegli il tuo Wedding Planner

Di Angelo Garini

La scelta in questione, non è sicuramente facile, è necessario trovare, necessariamente, un professionista del settore; questo vuol dire rivolgersi a una persona che per formazione e percorso professionale, conosca il “savoir vivre”, che abbia cultura e capacità organizzative e che sappia guidare i suoi clienti con buon gusto ed eleganza, qualcuno che abbia una conoscenza di come analizzare i luoghi che ospitano i suoi eventi, considerandone la loro storia, senza mai prevaricare su quello che sono gli usi, i costumi e la tradizione che un evento come il matrimonio incarna sicuramente, né, allo stesso tempo prevaricando sugli sposi e sui loro desideri.
Da qualche anno a questa parte questo lavoro è stato molto inflazionato da chi, senza esperienza alcuna o soltanto per aver partecipato a uno dei molteplici corsi che si svolgono in tutta Italia, si veste di un abito che non è il suo, credendo di poter coordinare, facilmente, il lavoro dei vari collaboratori del W.P., quali fiorai, fotografi, operatori delle luci, musicisti e quant’altro, facendo fronte ad un momento fondamentale nella vita degli sposi e dei loro famigliari senza averne le effettive competenze.

 Un momento che rappresenta anche un importante investimento economico e come tale deve essere affidato a persone di sicura preparazione e competenza

Ma c’è ben altro dietro a questa figura professionale…

Tra le altre cose non deve mancare al W.P. anche un a grande capacità di analisi psicologica; capire e assecondare le persone che affianca nel progettare il loro evento è essenziale, e se i loro desideri superano il limite del bon ton, o possano intralciare lo svolgersi del progetto stabilito, con educazione saprà ridimensionare la cosa, riportando il tutto al progetto più giusto, per far vivere un momento indimenticabile di stile e raffinatezza.
Per far sì che l’evento che si vuole organizzare risulti gradito ed  unico agli ospiti invitati, è necessario che ci si rivolga alla competenza.
Informarsi sull’iter del W.P, chiedere di che eventi è stato progettista e organizzatore, saggiarne anche le caratteristiche caratteriali e la disponibilità a sostenere e a incoraggiare,  è la strada più corretta per non andare incontro a brutte figure e a grosse delusioni.

Posso riassumere quanto ho espresso in questo concetto,: “non scegliete in base alla popolarità del wedding planner, ma in base alla sua vera professionalità!”

indietro