Immagine articolo
04/05/2015

Vegetariano, vegano, crudista…mode di passaggio?

In questo periodo si sente parlare molto di vegetariano, vegano e crudista, pensando siano mode di passaggio. Cerchiamo di capire meglio cosa sono, i danni o  i benefici.

Il vegetariano esclude dalla sua dieta tutti i prodotti di origine animale (carne, pesce) ma non i derivati che continua ad usare: uova, formaggio, latte, miele. Il vegano esclude anche i derivati; il crudista oltre a escludere tutti i prodotti di derivazione animale mangia solo cibi crudi (frutta, verdura, semi, germogli, frutta secca).

Molti scelgono questo stile di vita per etica, cioè per non arrecare danno agli animali, altri per seguire una “moda”.

Ad oggi si sta comprendendo l’importanza di un’alimentazione prevalentemente vegetale anche per scopi salutistici. Un’alimentazione prevalentemente vegetale è un’alimentazione alcalina che (come abbiamo visto negli articoli precedenti) aiuta a ridurre l’infiammazione e a prevenire le malattie.

Avere una buona struttura corporea solo attraverso alimenti di origine vegetale è possibile, importante è non approcciarsi a questa nuova alimentazione senza alcun supporto perché si rischiano carenze nutrizionali importanti, come la vitB12 che va supplementata in caso di totale assenza di prodotti animali.

Quindi è sempre bene rivolgersi ad uno specialista che vi possa accompagnare in questo percorso. Scegliere di seguire uno di questi stili di vita non avviene mai dall’oggi al domani, richiede tempo e conoscenze appropriate.

Tra il vegetariano e il vegano sarebbe meglio il secondo in quanto abusare di latte vaccino o derivati può essere molto dannoso, non solo per i grassi e il colesterolo ma anche perché questi alimenti sono molto acidi. Il calcio può essere compensato da vari alimenti vegetali come i semi di sesamo, la frutta secca e le verdure verdi a foglia larga.

Ad oggi l’industria alimentare propone moltissimi prodotti di origine vegetale come tofu, tempeh, seitan, mozzarella o casatella di riso che ci permettono di avere delle valide alternative ai secondi piatti.

<!-- [if gte mso 9]>

indietro