Immagine articolo
05/02/2016

La fotografia: una storia d'amore. Tutto merito di un'emozione.

La fotografia: una storia d'amore. Tutto merito di un'emozione.

 

Sono Alfonso Lorenzetto e vivo di emozioni.

Fu in un lontano giorno d'estate di fine agosto che mi accorsi di Lei.

Il sole penetrava denso e forte attraverso la balaustra in legno riflettendosi nel davanzale del tradizionale casolare delle  montagne dolomitiche.

Fu allora che la vidi, li sola e tranquilla, appoggiata con cura meticolosa con mano esperta.

Il raggio di sole le rimbalzava addosso con decisione assoluta, creando un magico riflesso sulla sua fronte liscia e argentea.

Lì in quella spazio aperto e luminoso la sua attrazione nei miei confronti fu totale.

A 16 anni fai presto ad innamorarti, e vivere forti emozioni.

Non esitai, piano piano mi avvicinai, da vicino era ancora più affascinante.

La mia mano destra si raccolse intorno al suo dorso, scuro e scaldato dal sole.

Fu una carezza istintiva ma pregna di sentimento primordiale.

In un attimo la presi con due mani e la avvicinai ai miei occhi, scrutandola con interesse e curiosità totale.

Era così bella, le forme perfette, quasi fosse stata disegnata da mano divina.

Portai il mio sguardo malizioso nei suoi occhi, vidi finalmente dentro al suo cuore.

Potei così scorgere all'interno una luce rossa che emetteva pulsazioni costanti e precise.

In quel momento la tentazione era alle stelle, desideravo averla.

Il mio indice non seppe resistere e premetti quel piccolo punto tra le sue spalle.

Così ...si proprio così sentii per la prima volta il rumore metallico vicino alle mie orecchie, che sarebbe poi divenuto familiare e rassicurante nel corso della mia vita professionale. Quello fu il mio primo click.

Fu così che nacque l'attrazione per la fotografia, mia attuale professione.

Dopo quasi 35 anni ricordo con piacere quel pomeriggio assolato e ringrazio i mei genitori che preferirono uscire in passeggiata, offrendomi la possibilità di questo incontro ravvicinato.

Questa è la mia storia.

Oggi, quando clienti ed amici mi chiedono come e perché io abbia scelto di essere un fotografo, l'unica risposta che mi viene immediata e sincera e che fu merito di un emozione, la stessa emozione che continuo egoisticamente a ricercare per me mentre fotografo le emozioni altre nei volti delle persone che attraversano la mia zona di confort.

Sono proprio loro, i clienti le persone con cui ho modo di esercitare la mia professione di fotografo che mi attribuiscono questa capacità intrinseca e spontanea. 

La mia mission: fare felici le persone creando fantastiche storie con le immagini fotografiche.

Questa è la storia d'amore che ha costruito il mio presente di uomo e fotografo.

Grazie e buona vita a voi.

indietro