04-10-2014

IL MATRIMONIO DI MICHELLE HUNZIKER E TOMASO TRUSSARDI: TUTTI I DETTAGLI

Il matrimonio di Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi è ormai alle porte. La conduttrice e il rampollo della casa di moda del levriero convoleranno a nozze il 10 ottobre, giorno del primo compleanno della figlia Sole. Se vi siete persi qualche passaggio, ecco tutti i dettagli del giorno del sì.

 

LA CERIMONIA
Il matrimonio si terrà a Bergamo, nella tenuta di famiglia di Tomaso, con rito civile. A celebrarlo sarà Giorgio Gori, marito di Cristina Parodi e sindaco della città, nonché testimone dello sposo. Circa 250 gli invitati, divisi tra gli amici e i parenti più stretti.

 

I TESTIMONI
Giorgio Gori non sarà l’unico testimone celebre della coppia. Per il giorno più importante della sua nuova vita con Tomaso, Michelle ha scelto di avere al suo fianco Antonio Ricci, amico di una vita e datore di lavoro, che per l’occasione ha concesso alla conduttrice un giorno di permesso dal bancone di «Striscia la notizia», come già accaduto in occasione della nascita di Sole.

 

IL BANCHETTO
Per le prime nozze del rampollo di casa Trussardi uno chef non bastava. La coppia ha deciso di assoldarne ben quattro, uno più stellato dell’altro: Carlo Cracco, Antonino Cannavacciuolo, Chicco Cerea e Norbert Niederkofler.
«Mangiare è la nostra passione – ha rivelato Michelle – Io e Tomaso ci facciamo centinaia di chilometri per mangiare bene».

 

L’ABITO
Per lungo tempo si pensava che la sposa avrebbe optato per un abito firmato dalla casa di moda del levriero, in omaggio allo sposo. Altri, invece, erano certi che la scelta sarebbe ricaduta su Giorgio Armani, che aveva già disegnato il vestito per le nozze con Eros Ramazzotti. Invece Michelle stupisce tutti e opta per un modello di Antonio Riva, che al settimanale Chi ha dichiarato: «Non avrà il velo, sarà lungo, in toni chiari ma non bianco e avrà delle lavorazioni speciali».

 

LE FEDI
Solo pochi giorni fa la coppia è stata paparazzata nella boutique milanese di Damiani, intenta a provare gli anelli da indossare – si spera – per il resto della vita. Fede classica per lui, più luccicante per lei.

 

Articolo tratto da Grazia.it

Indietro
News image