17-09-2013

Addio al nubilato

Hollywood ci ha fatto conoscere più o meno in tutti i loro bizzarri aspetti gli addii al celibato. Passando per Las Vegas e "Una notte da Leoni", siamo ormai piuttosto abituati alle intemperanze maschili. Il novello sposo viene invitato dagli amici ad una notte trasgressiva, e le conseguenze sono ovvie. 
 
Ma la sposa ormai non sta certo più a guardare, o a passare il pre-cerimonia in trepidante attesa. I tempi sono cambiati, e a seconda del carattere della novella sposina, la miglior amica può prepararle una festa indimenticabile che nulla ha da invidiare a quelle dei maschietti. Accorgimenti: tenere presente il carattere di lei, perché anche l'addio al nubilato sia accettato e non un obbligo forzato. 
 
La sposina è solitamente timida? Allora andrà bene un addio ecologico, un addio enogastronomico, perfino un soggiorno culturale. Il primo può consistere in un piacevole picnick, nel secondo caso si possono organizzare, anche a domicilio, una serie di assaggi, aperitivi e degustazioni, mentre quello culturale (un po' impegnativo) potrebbe trasformarsi in un breve soggiorno in qualche piacevole località non troppo fuori mano. 
 
La sposa è invece una ragazza più esuberante? La sua migliore amica, allora, cassando magari dalla lista degli invitati presenze ingombranti e scomode (suocere, madri, eccetera) potrà sbizzarrirsi in qualcosa di più osé. Da una serata glamour e trasgressiva che prevede spogliarelli e discoteca esclusiva, a qualcosa di ancor più esagerato come una lezione privata di burlesque, o addirittura qualcosa di più avventuroso e naturale, come uno sport estremo. Ce n'è davvero per tutti i gusti, e una migliore amica, non facendo mancare l'elemento sorpresa, saprà confezionare la serata che fa per voi.    

Indietro
News image