12-01-2015

Anelli di fidanzamento ed è subito SI !

È simbolo di una promessa, ma non una qualsiasi: quella per la vita. Per questo è fondamentale sceglierlo bene, e scegliere quello giusto: che rappresenti appieno personalità e gusti della futura sposa. Come fare? Seguite questi consigli e date un occhio alla gallery!
Uomini accoppiati, non fate orecchie da mercante: arriva un momento nella vita di coppia in cui è ora di fare il grande passo, o meglio, di mettersi in ginocchio di fronte alla vostra amata e chiederle di essere vostra per sempre. Nei secoli questa pratica è stata sancita con il dono di un anello, ma non uno qualunque, l'unico, il solo: quello di fidanzamento. Che sia il classico solitario o una trilogia, con una perla (non portano lacrime!) o con uno smeraldo, poco importa: ciò che conta è che rispecchi in pieno la personalità della futura sposa, che le si addica, che rappresenti lei, evitando di sbagliare in pieno, come fece Aidan nella terza serie di Sex and the City, quando dietro consiglio di Miranda, rischia di regalare a Carrie un anello (per lei) fuori luogo.
Come fare a non sbagliare? Cari uomini, fatevi sempre consigliare dalla migliore amica, la sorella, la mamma della futura sposa, insomma chi la conosce meglio delle proprie tasche! E poi, seguite la regola delle 4C per valutare il diamante: il peso, espresso in carati (Carat), il taglio (Cut), il colore (Colour) e la purezza (Clarity).
Ma al di là dei dettagli tecnici, noi donne siano principalmente interessate alla caratura della pietra e alla montatura dell'anello, che può essere moderna, lineare e di design o classica, con un motivo in filigrana oppure arricchita da un pavé di diamanti. Ma soprattutto al motivo che vi spinge a fare una promessa così importante: ovvero l'amore e il desiderio di renderci sempre felici. E non c'è regalo più bello, non siete d'accordo?

Articolo tratto da style.it

Indietro
News image